47 Giorni di Matteo Riva

//Pagina in costruzione//

//Cover provvisoria//

Dai nostri social

I nostri valori

idea, icon, light

Sostenibilità

Lavoriamo costantemente per migliorare il nostro impatto ambientale come azienda e come cittadini, attraverso una commistione di stampa tradizionale e print on demand

idea, icon, light

Attenzione
agli autori

Siamo in prima linea per dedicare ai nostri autori l'attenzione che meritano.

idea, icon, light

Scrittori
emergenti

Siamo una casa editrice non a pagamento, che persegue l'obiettivo di rendere l'editoria un settore più etico.

La narrativa fantapolitica veste finalmente made in Italy: presentazione di “47 giorni” di Matteo Riva

Matteo Riva firma un originalissimo romanzo fantapolitico dal titolo “Quarantasette giorni”, inserendosi nel solco della tradizione distopica dei grandi classici.

Matteo Riva, la presentazione

Sono Matteo Riva, classe 1989, e vivo in provincia di Bergamo.  Sono padre di Alessandro, un ragazzo di undici anni, e grande tifoso dell’Atalanta: mi piace seguire diversi sport e la mia passione è il calcio, che pratico a livello dilettantistico da quando ho sette anni.
Quarantasette giorni nasce anche dal mio tentativo di tenermi sempre aggiornato sugli eventi che scandiscono la nostra quotidianità con un occhio spesso critico, soprattutto nei confronti delle dinamiche della politica.
Ho scritto il mio primo libro quasi per caso, occupando con un block notes e diverse penne le mie pause pranzo. Con questo testo ho partecipato al concorso Amazon storyteller 2020: per quanto sia stato impegnativo passare dalla storia costruita nella mia testa alla sua realizzazione, mi sono molto divertito a farlo… credo proprio che qualcosa bolla ancora in pentola, e che abbia soltanto bisogno di essere messo su carta.

Il libro

Italia, 2026
Il dispotico presidente de Angelis ha instaurato una pericolosa dittatura di stampo nazista in un’Italia devastata dalla crisi post-covid. Nei quarantasette giorni del suo governo profonde ferite lacerano l’Italia, ma ecco che all’improvviso si diffonde nei giornali la notizia dell’assassinio del nuovo duce.

«L’uomo è un animale, e come tale ha bisogno di essere guidato da un padrone che gli dica cosa fare»

In questo clima di tensione e incertezza si snodano le storie di Isabella e Stefano, che per scoprire il mandante dell’omicidio saranno costretti ad avvicinarsi sempre di più, fino a non poter tornare indietro: il destino è contro di loro, ma questa volta sarà l’amore a scegliere.

«Vaffanculo!» urlò sbattendo la porta, ma Stefano infilò prontamente il piede evitandone la chiusura. Piede che Isabella provò a spostare con un pestone di tacco a spillo.

Mentre Isabella e Stefano cercano di non confondere amore e affari, alla guida del paese arriverà una nuova figura politica, che promette di ripristinare la democrazia e la libertà degli italiani… ma sarà davvero così?

«47 giorni è un fantapolitico appassionante: una critica schietta e coraggiosa alla società dei nostri giorni»

«Un’opera attualissima, cupa eppure speranzosa, scritta da una penna che fa dell’attivismo politico la sua più grande risorsa.»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GDPR cookie consents with Real Cookie Banner