intervista ad adelio tamburrini e maionese

Doppia intervista: Adelio Tamburrini vs Maionese

Intervista semiseria ad Adelio Tamburrini

Presto in libreria con Maionese – l’emozionante viaggio di una golden retriever in cerca di una nuova casa – Adelio Tamburrini si racconta ai lettori di Land Editore con un’intervista semiseria che ci permetterà di conoscere meglio l’universo di scrittura di un autore tanto coriaceo quanto innamorato della sperimentazione narrativa.

Conosciamo meglio l’autore di Maionese

Ciao, Adelio, e grazie per aver scelto di essere qui. Come abbiamo anticipato, questa sarà un’intervista semiseria, un po’ sui generis, dove vorremmo permettere ai lettori di conoscere meglio il tuo universo creativo in una maniera un po’ diversa dal solito. Del resto, l’originalità è qualcosa che sembra appartenere profondamente alla tua scrittura.
Cominciamo allora con un esercizio un po’ particolare; immaginiamo di essere nel famoso programma Le Iene: tu e Maionese state conducendo una doppia intervista…

intervista ad adelio tamburrini e maionese
Adelio Tamburrini

Nome: Adelio
Soprannome: Mai avuto, mi sarebbe tanto piaciuto averne uno da ragazzo perché non andavo d’accordo con il mio nome
Età: 38 anni
Professione: operaio
Descriviti con quattro aggettivi: Curioso, realista, generoso, pigro
Angelo o diavolo? Sicuramente diavolo, perché è così difficile restare puri
Impulsivo o riflessivo? Decisamente impulsivo
Il miglior pregio di Maionese: saper ascoltare
Il peggior difetto (sempre di Maionese): sempre in cerca di coccole
Il tuo libro preferito: Novecento di Alessandro Baricco
Qual è la prima cosa che fai al mattino? Implorare
La cosa più strana che tu abbia mai fatto: mi rimane difficile sceglierne una, perché ne faccio un’enormità, ma credo la cosa più strana che spesso mi capita è fissarmi con i volti; mi capita spessissimo di fare associazioni con i volti che vedo, e non mi do pace finché non trovo la somiglianza.
Il tuo giocattolo preferito di quando eri piccolo: mia madre mi ricordava sempre che passavo le ore a giocare con il castello dei Masters
Dolce o salato? Salato tutta la vita
La cosa che ti dicono più spesso: stai zitto!
Come ti vedi tra tre anni? Più buffo di ora…
Cosa consiglieresti agli scrittori di oggi: Di non seguire i miei consigli…
Saluta i tuoi lettori con la citazione tratta da una canzone:
È una canzone senza titolo:
Tanto pè cantà
Pè fa quarche cosa
Non è gnente de straordinario
È robba der paese nostro
Che se po’ cantà pure senza voce
Basta ‘a salute
Quanno ‘a salute è tutto
Basta a salute e un par de scarpe nove
Poi girà tutto er monno
E m’a accompagno da me

Maionese

Nome: Lara
Soprannome: Maionese
Età: dieci anni
Professione: cane guida
Descriviti con quattro aggettivi: Paziente, fedele, coraggiosa, curiosa
Angelo o diavolo? Angelo
Impulsiva o riflessiva? Impulsiva
Il miglior pregio di Adelio: esserci sempre per gli altri
Il peggior difetto (sempre di Adelio): chiacchiera troppo
Il tuo suono preferito: il suono della pallina, ovvio
Qual è la prima cosa che fai al mattino? Mi lecco tutta
La cosa più strana che tu abbia mai fatto: fuggire dalla mia casa
Il tuo giocattolo preferito di quando eri piccola: sempre la pallina
Dolce o salato? Dolce e poi salato
La cosa che ti dicono più spesso: ma quanto sei bella
Come ti vedi tra tre anni? Anziana
Cosa consiglieresti ai cani di oggi: di fare sempre la pipì sulla traversina
Perché dovremmo conoscere la tua storia? Perché anche io prima di viverla non pensavo esistesse un mondo simile
Saluta i tuoi lettori: bau!

Maionese sarà presto
in libreria

Maionese, la trama:

«Ciao, sono Maionese. Sono una Golden Retriever di dieci anni color crema che cerca una nuova casa.»
Sembrerebbe una storia di abbandono come molte altre, ma la verità è che c’è davvero poco di comune in Maionese, la dolcissima golden retriever nata dalla penna di Adelio Tamburrini: accompagnandola nel suo viaggio nell’entroterra romano ascolteremo storie di coraggio e di rinascita, ma anche di solitudine e disperazione, raccontate dalle voci di personaggi tra i più disparati: è così che conosceremo Rocco, abbandonato dalla famiglia perché incapace di nascondere la sua sessualità, ma anche lo stravagante e imprevedibile Marcus, un senzatetto che alla realtà ha sempre preferito la forza dell’immaginazione. E ancora la forza prorompente del Principe, che danzerà per le strade di Roma facendosi guidare dal suo vecchio bastone, e la dolcissima Grazia, che ci farà piangere e sognare tra le pagine di un diario scritto per dare voce ai dimenticati e agli esclusi.

“Ma cosa stai mangiando? Questa è Maionese, non è buona per te.”
Poi, pensandoci un po’ su, disse: “Ti chiamerò Maionese.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cookie Consent with Real Cookie Banner